Leggi i nuovi documenti nella library!

BLOG

Tutti giù per terra!

il blog di stefano Jun 14, 2023

È un luogo comune difficile da smentire: se tiri la corda e non ti fermi un attimo prima di raggiungere il suo limite di resistenza, questa si spezza.

Vero è che, se alla corda ora metaforica si sostituisce l’essere umano, occorre tenere conto della sua adattabilità e dei varchi che lascia aperti nei suoi meccanismi di ragionamento. Quindi, la nostra è una corda dotata di una certa allungabilità.

E sull’essere umano si lavora bene, trattandosi dell’unico animale ipnotizzabile con facilità. Fare leva sul sentimento della paura è un’arma sperimentata con grande successo da che l’Homo sapiens e, molto probabilmente, i suoi predecessori esistono. Appena meno efficace, ma non, poi, di molto, è la ripetizione martellante di un concetto, non importa se e quanto fallace. Le giaculatorie religiose e gl’insegnamenti di Joseph Goebbels ne sono esempi. Più o meno di pari efficacia è far...

leggi tutto...

Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole

il blog di stefano Jun 09, 2023

Ormai moltissimi anni fa – era il 1969 - mi trovavo a Bruges, e passai davanti alla porta di un bar su cui campeggiava un cartello nel quale era scritto “vietato l’ingresso agl’italiani.” La sensazione che ebbi fu quella di un pugno allo stomaco ma, come ho sempre fatto, mi domandai quale fosse la ragione di tanto disprezzo. Come è sempre stato, l’insoddisfazione per la propria sorte è una caratteristica della nostra etologia, e riversare le responsabilità per il fallimento su una persona o un popolo (la parola razza è ipocritamente cancellata dal vocabolario) è la scappatoia più comoda.

Ora, però, dopo ben oltre mezzo secolo, provo disagio ad essere italiano.

Dopo gli anni entusiasmanti che seguirono la Seconda Guerra Mondiale, gli anni in cui ci si inebriava del concetto di libertà, gli anni in cui si rifondava una società e, con evidente successo, un’economia, arrivarono...

leggi tutto...

BRAVE NEW WORLD

il blog di stefano Jun 07, 2023

Grazie a tutti coloro, qualcuno inaspettatamente, che mi hanno augurato un buon compleanno.

Di fatto, io venni al mondo dopo mesi di pacifico soggiorno immerso in un liquido a temperatura gradevole senza aver preventivamente sottoscritto alcun modulo di consenso informato. Se mi avessero detto che mi sarei trovato come compagni di viaggio personaggi come Bill Gates, Matteo Bassetti, Antonio Tajani, Elly Schlein, Giorgia Meloni, Volodymyr Zelens'kyj, Bruno Vespa e qualche altro esemplare di Homo sapiens di pari levatura, avrei rifiutato di mettere piede sulla Terra. Se, poi, avessero aggiunto ONU, OMS, NATO e qualche altro migliaio di organizzazioni a queste assimilabili, avrei reagito in modo più veemente.

Comunque, grazie.

...

leggi tutto...

AIUTATEMI A CAPIRE

il blog di stefano Jun 06, 2023

Evoluzione e tendenza al bene o anche solo al meglio non sono necessariamente sinonimi.

Senza che il popolo, termine che ha, e non di poco, cambiato (evoluto?)  il suo modo di essere percepito, se ne accorga, il mondo, inteso non solo come società ma anche come pianeta Terra stesso, è stato modificato fino al totale stravolgimento.

Giusto a titolo d’esempio, chi ha abbastanza memoria e senso dell’umorismo potrebbe magari ricordare i vecchi comunisti post-bellici, quelli di Peppone, e metterli a confronto con i loro nipotini di oggi. Io trovo molto divertente il fatto che gli USA, paese un tempo additato come responsabile di qualunque efferatezza, sono oggi i “buoni”, mentre i russi, per la cui squadra di calcio il comunista vero tifava quando giocava contro l’Italia, sono diventati i nemici da annientare. E che dire della signorina Schlein e dell’investimento economico orario per scegliere il colore delle mutande intonato alla...

leggi tutto...

Allunaggi pericolosi

Uncategorized Jun 05, 2023

Ignorante non è un’offesa ma un’ovvietà. Non esiste nessuno al mondo che possa affermare a buon diritto di non esserlo. Senza rispolverare Socrate, di cui, peraltro, non resta una sola riga scritta, l’ignoranza va riconosciuta e accettata da ognuno in modo sereno, se non altro per non cadere nel ridicolo.

Una regola che mi pare piuttosto saggia consiglia non solo di non varcare mai i limiti della propria conoscenza, minuscola o estesa che sia, ma, comunque insignificante, ma di restarne sempre ad una distanza di sicurezza, perché, a mano a mano che ci si avvicina a quei confini, la possibilità di rimediare figuracce aumenta.

Senza entrare nella loro ragione di essere, stramberie recitate da incompetenti costituiscono razioni generose e quotidiane che i mezzi di cosiddetta informazione ci dispensano quotidianamente, e di questo non dovremmo perdere tempo a scandalizzarci. Una dotazione sufficiente d’intelligenza e anche solo di...

leggi tutto...

Necessito urgentemente di una rieducazione

il blog di stefano Jun 03, 2023

https://twitter.com/_MASSlMO_/status/1664510616709521409

La mascherina è piazzata sotto il mento, ma c’è. Il terribile virus è di certo terrorizzato dalla minaccia e non attaccherà, così come non faceva se si era seduti o in piedi (non ricordo la posizione) o quando si era fuori orario.

La tenera cultura del popolo non mi stupisce. Vorrei solo che qualche laureato in qualunque facoltà a tema sanitario illustrasse anche a me i meccanismi secondo cui ci si potrebbe ammalare di tetano in una situazione come quella romagnola. Magari, si vorrà continuare con una teoria del tipo del chiodo arrugginito o della spina di rosa, teoria che ora ha generato quella dell’acqua sporca. In questo caso, io ho urgente necessità di un corso di rieducazione, perché oltre mezzo secolo fa, quando mi laureai in farmacia, se io avessi accennato a stravaganze del genere, i miei professori mi avrebbero dirottato a facoltà meno...

leggi tutto...

Ridere per stare in salute

il blog di stefano Jun 02, 2023

Nell’ormai remoto 1973, in attesa di trasferirmi per un po’ al Karolinska Institut di Stoccolma per vedere se potevo imparare qualcosa, stavo, già in Svezia, all’ospedale di Malmo presso il reparto di nefrologia.

Il primario diceva a noi ragazzi che un atteggiamento psicologicamente positivo da parte del paziente aiuta l’eventuale guarigione o, comunque, allevia i sintomi della malattia, e spesso in quel reparto si trattava di cancro dei reni.

Dunque, ridere fa bene alla salute.

È per questo che la massima istituzione italiana del farmaco ci tiene di buonumore con battute che, a Zelig, spopolerebbero. L’ultima, davvero geniale, si riferisce al più comico e, dunque, più efficace dei farmaci: il cosiddetto “vaccino” anti-Covid, e suona: “Non è il siero che causa la morte, ma i suoi effetti.”

Fino a tutto il Rinascimento, le corti ospitavano i buffoni, i fool di Shakespeare, vale a dire personaggi...

leggi tutto...

Non vi basta ancora?

il blog di stefano Jun 01, 2023

Cari amici italiani, e mi stava scappando il vocativo “fratelli”, io non ce l’ho con voi. Non ce l’ho con voi perché non posso prendermela con chi è ammalato, e voi, in grande numero, siete ammalati. Lo siete gravemente nel corpo, perché così avete voluto, e, molto più gravemente, lo siete nello spirito, trasformati come siete nei più feroci e spendibili complici dei vostri carnefici e, quel che è molto peggio, dei carnefici dei vostri figli, derubati della dignità, della salute e del diritto a vivere un futuro sereno.

Non viglio ripercorrere le angherie subite dai dissennati che si esibivano pubblicamente evocando sanzioni crudeli quanto fantasiose nei confronti di chi non accettava imposizioni che mi limiterò a definire illegittime e immorali. Né mi soffermerò se non al volo sulla cosiddetta infermiera che pianificava di pungere dieci volte la vena dei “no-vax” o sui...

leggi tutto...

Romagnoli, se ci siete, battete un colpo!

il blog di stefano May 29, 2023

Vorrei che fosse chiaro a tutti, anche a quel curioso esemplare di avvocato che mi attaccò semplicemente perché avevo domandato se, in politica, incitare al non voto costituisse o no reato. Evidentemente, per l’illustre giurista porre domande a lui sgradite è cosa illecita. Ma potrebbe anche essere che il quoziente intellettivo del personaggio sia talmente elevato da non consentirgli di perdere tempo a scorgere differenze tra affermare e domandare.

Ora pongo semplicemente una questione dopo aver fatto una premessa.

Sabato scorso, su pressante invito dell’amico Paolo Sensini, mia moglie ed io siamo andati a Cesena, città capoluogo di una delle zone più devastate dalla recente alluvione. Il programma era quello di discutere con la popolazione di ciò che era stato detto, non detto, fatto e non fatto nell’occasione del disastro.

Andiamo, e ci ritroviamo l’enorme Piazza del Popolo pressoché vuota. A relazionare non...

leggi tutto...

C'è prossimo e prossimo

il blog di stefano May 26, 2023

Alla domanda “chi è il prossimo?” si potrebbe rispondere con un semplice richiamo etimologico che il prossimo è chi ti sta vicino.

Può accadere che chi ti sta vicino abbia bisogno di aiuto, ma, prima di soccorrerlo, tu ci pensi un attimo e ti domandi perché mai dovresti dedicarti a lui quando è così bello, e persino commovente, correre in aiuto a chi non ha la fortuna della tua prossimità. Ed è così che, dopo aver saggiamente tralasciato di applicare le noiosissime norme della prevenzione, chi ti sta vicino si ritrovi a fronteggiare inaspettatamente (?) danni per un ammontare centinaia di volte superiore a quanto sarebbe costato mettere in atto la, ahimè troppo poco spettacolare, prevenzione.

È così che, a guaio fatto, terremoto, incendio, frana o alluvione che sia (ma abbiamo anche divertenti deragliamenti e crolli di ponti), occorre una montagna di quattrini per mettere una pezza. Ed...

leggi tutto...
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.