NEWS: Un nuovi incontri con Montanari: il Dr. Francesco Oliviero. Un nuovo corto e la diretta di sabato scorso.

Il Blog di Stefano

Basta!

Uncategorized Aug 16, 2021

Ho cercato di prendermi qualche giorno di requie per tirare il fiato. Non è stato possibile.

In questi giorni abbiamo assistito ad esternazioni e ad azioni da parte di “chi conta” difficili da giudicare senza incorrere nel “reato” di lesa maestà. E, allora, taccio anche di fronte a spiagge in cui si prende il sole con la mascherina, a bar in cui si può bere un’aranciata a patto di stare in piedi o a minacce di un  tale che vuole “stanare” chi non si lascia iniettare l’intruglio sperimentale di cui nessuno, lui in testa, assume qualunque responsabilità.

Tutto questo ha comportato una valanghetta di messaggi di varia specie, come se io avessi la soluzione per un problema facilmente risolvibile se, banalmente, si mandasse a quel paese un manipolo di dementi e si applicassero le leggi vigenti, diritto naturale e Costituzione in primis.

Una tipologia di messaggio che mi irrita particolamente è quella,...

leggi tutto...

Parlare e lagrimar vedrai insieme

il blog di stefano Jul 28, 2021

“Ma noi che c’entriamo? Avrà avuto le sue ragioni!”

Più o meno è questo che ci sentiremo dire. Saranno i piazzisti multimandatari, gli “scienziati” di cartapesta, i pupazzi dei ventriloqui, quelli che infettano quel che resta dei cervelli. Saranno le puttanelle pontificanti, saranno i pennivendoli per tutte le stagioni, saranno i pezzi grossi, meno grossi, piccoli e piccolissimi a lavarsi così la coscienza che non hanno. Che c’entrano loro? Avrà avuto le sue ragioni.

Sarebbe facile lasciarsi trasportare dalla retorica, ma che bisogno ci sarebbe?

Ci sono tante maniere per uccidere un uomo e, giusto come gioco, propongo a chi ha la pazienza di leggermi di stilarne un elenco. Si può essere fisicamente brutali o si può essere raffinati. Alla fine, sarà il corpo ad essere tolto di mezzo. Ma, a volte, questo potrebbe non bastare. E, allora, si attenta all’anima, o chiamate come vi pare tutto...

leggi tutto...

Bastoni

il blog di stefano Jul 27, 2021

Mi ero imposto di ridere. Non so se ce la farò.

Risalendo al 1949, ho compiuto da quasi un paio di mesi il settantaduesimo anno di vita su questo pianeta d’improvviso trasformato nel più grande manicomio della storia umana. A settantadue anni il rischio è grave se si pretende di prolungare il soggiorno dove i vecchi non sono benaccetti.

Ho tentato di ridere ai monologhi di Burioni, di Bassetti, di Lopalco, della Capua e delle grottesche figurine che tentavano con ingenua goffaggine di fare capolino, magari anche solo per un attimo, nelle inquadrature delle star del momento. Ho tentato di ridere alle fughe degli “scienziati.” Ho tentato di ridere ai nonsense dei poveri sedicenti giornalisti e di tutta la corte dei miracoli di televisioni, radio, Internet e giornali. Ho tentato di ridere quando su Internet è comparsa la “notizia” della mia doppia vaccinazione e così ho tentato di fare quando una ragazzotta, conduttrice...

leggi tutto...

Jack-in-the-box

il blog di stefano Jul 26, 2021

Per anni abbiamo goduto delle esibizioni di Burioni Roberto, intrattenitore televisivo ormai tradizionale e, con un’anzianità di palcoscenico inferiore, di Capua Ilaria, veterinaria sulla quale cavalleria vuole che io non apponga aggettivi.

Il primo, mostrando tutta la sua acuta intelligenza, la sua raffinata educazione, la sua inflessibile statura morale e la sua enciclopedica cultura ha eseguito un numero da avanspettacolo (“A Robbè, facce ride!”) centrato sui no-vax ai quali, secondo il burionico canovaccio, arriverà un abbonamento per il cinema in TV quando, tra pochissimo, saranno in massa agli arresti domiciliari da lui stesso invocati, previsti e - perché no? - magari comminati. Quanto a Capua Ilaria, siamo stati deliziati dalla sua proposta: i non vaccinati, regolari contribuenti del servizio sanitario nazionale, pagheranno mille o duemila euro al giorno se saranno ricoverati in ospedale.

No: non mi va di perdere tempo a...

leggi tutto...

Tutti in coro!

il blog di stefano Jul 23, 2021

Ho spesso affermato di non guardare la TV, a meno che non sia spenta. Mentivo.

Ieri sera sono stato quasi costretto, a mo’ di Arancia Meccanica, ad assistere ad un programma di RAI2 chiamato, se la memoria non mi tradisce, Tg2 Post o qualcosa che gli somiglia.

Fortunatamente per me, i partecipanti in studio mi erano e mi restano sconosciuti e ne ho freudianamente cancellato il nome dalla memoria. Resta, come avrebbe forse detto Manzoni, il sugo della storia, dove la storia s’incentrava sul cosiddetto green pass. In breve, come pare sia la prassi dell’“informazione” pagata dai contribuenti, non c’era contraddittorio, e le figurine farneticanti nella scatola magica si davano ragione l’una l’altra come è d’uso tra gli avvinazzati di qualunque mescita pubblica. L’epifania era quella del personaggio Draghi Mario, un esemplare di Homo sapiens che, forte di zero voti popolari ma ai sensi dell’articolo 92...

leggi tutto...

Ultimissime per gl'imbecilli

il blog di stefano Jul 21, 2021

Un conoscente mi manda la fotografia di quella che dovrebbe essere la prima pagina del Corriere di Bologna (Corriere della Sera) dove campeggia la ferale notizia di Montanari che si è fatto iniettare e poi, recidivo, reiniettare il cosiddetto vaccino Pfizer.

È fin troppo ovvio che si tratta non solo di una delle solite notizie false, ma, addirittura, di un goffo fotomontaggio.

La domanda che ci si potrebbe porre è se questa sia l’opera di un imbecille o non sia, piuttosto, l’opera di un mascalzone che conta sull’imbecillità altrui, vale a dire su chi è pronto a bersi qualunque bufala.

Che io sia un prodotto piuttosto ambito dai bufalari è cosa nota. Basterebbe percorrere l’osteria di Internet per trovare come io sia stato querelato da “scienziati” sulla cui alfabetizzazione si potrebbe aprire un dibattito, da una più o meno fantomatica associazione d’infermieri, da politici, e chi più...

leggi tutto...

La grenouille impatiente

il blog di stefano Jul 20, 2021

Credo che la storiella della rana di Chomsky sia ampiamente nota e che non valga la pena ricordarla.

Perché la rana finisca lessa e consenziente è indispensabile che la temperatura dell’acqua sia incrementata con dolcezza perché, se l’innalzamento fosse brusco, il simpatico anfibio, così simile all’essere umano sotto tanti aspetti, potrebbe balzare fuori dalla pentola rendendo vano il nobile sforzo di chi si sta prodigando per il bene dell’animale.

Fino ad oggi i lessatori sono stati quanto mai accorti, e basta vedere la torma di rimbecilliti (rimbecilliti significa non l’essere ma l’essere trasformati in imbecilli) che viaggiano nel chiuso della loro automobile, in solitudine, con il volto “protetto” dalla salvifica mascherina. E basta entrare in un supermercato per osservare lo spettacolo di chi, seduto alla cassa, indossa i guanti. Per non dire di chi passeggia solo soletto in un bosco, accuratamente...

leggi tutto...

De substantia diaboli

il blog di stefano Jul 13, 2021

Quando si hanno a disposizione solo le armi della scienza non si può scientemente credere in dio. Questo non significa che dio non esista, ma, molto semplicemente, che non è conoscibile con la scienza. Non lo si pesa, non lo si misura, non lo si fotografa, non lo si analizza. Ognuno la pensi come gli pare e, per favore, nessuno me ne dia conto perché qualunque teoria o, peggio ancora, qualunque “dimostrazione” è solo il trastullo di un perdigiorno.

Dunque, io non sono né credente né non credente, trattandosi di argomento che non mi compete e che, in fondo, m’interessa solo marginalmente.

Ma se io sono agnostico per mancanza di prove, mi diventa difficile negare l’esistenza del demonio o, almeno, di qualcosa che gli somiglia parecchio.

Prove se ne accumulano ogni giorno, e basta accendere la TV per accrescere la lista.

Ora, chi ha lo stomaco legga ...

leggi tutto...

Mettetevi nei miei panni

il blog di stefano Jul 09, 2021

Non vi offendete se non vi rispondo. Forse, se vi rispondessi vi offendereste di più.

Ogni giorno continuo a ricevere mail o, peggio ancora, telefonate di persone esterrefatte che mi raccontano con dovizia di particolari le vicende di qualche loro familiare che si è fatto “vaccinare” e poi è morto o sta malissimo o, nella più divertente delle circostanze, è diventato un magnete al quale si attaccano monete, posate e ferramenta assortita. Scusate la franchezza: sono fatti che non mi riguardano.

Ogni giorno continuo a ricevere messaggi disperati di genitori che mi chiedono come fare a non “vaccinare” i figli, o di medici, infermieri, farmacisti e sanitari in genere che chiedono a me come non “vaccinarsi”. A parte la parolina magica “NO”, a parte la palese illegittimità di quella violenza su cui, magari, la magistratura potrebbe dire qualcosa, io non ho consigli. Posso solo domandarmi chi ha...

leggi tutto...

I nuovi barbari

il blog di stefano Jul 07, 2021

Ho passato poco più di una settimana in Francia dove, da anni, stiamo ricercando su di un argomento che oggi, in piena follia pandemico-vaccinale, ha perso ogni interesse popolare, se mai l’ha avuto. Si tratta dell’inquinamento dell’atmosfera presente negli aerei e di tutte le conseguenze, a volte irreparabili, che ne derivano. In Italia quella ricerca è, di fatto, impossibile, e questo per ragioni fondamentalmente legate all’italianissimo “mi faccio i fatti miei” e all’altrettanto italiano, al di là della grammatica, “io speriamo che me la cavo.” Dell’argomento parlo anche sul libro appena uscito Advances in Nanopathology from Vaccines to Food, libro che certo non rientrerà tra le letture dei nostri “scienziati.”

Nei pochi giorni che ho trascorso all’estero ho cercato di disintossicarmi dall’italianità, ma qualcosa mi è comunque arrivato.

Qualche esempio: il...

leggi tutto...
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.