Biografia

Dr. Stefano Montanari

Stefano Montanari, bolognese di nascita (1949), modenese di adozione, laureato in Farmacia nel 1972 con una tesi in Microchimica, ha cominciato fin dai tempi dell’università ad occuparsi di ricerca applicata al campo della medicina. Autore di diversi brevetti nel campo della cardiochirurgia, della chirurgia vascolare, della pneumologia e progettista di sistemi ed apparecchiature per l’elettrofisiologia, ha eseguito consulenze scientifiche per varie aziende, dirigendo, tra l’altro, un progetto per la realizzazione di una valvola cardiaca biologica.
Dal 1979 collabora con la moglie Antonietta Gatti in numerose ricerche sui biomateriali.
Dal 2004 ha la direzione scientifica del laboratorio Nanodiagnostics di Modena in cui si svolgono ricerche e si offrono consulenze di altissimo livello sulle nanopatologie.
Docente in diversi master nazionali ed internazionali, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche.
Da anni svolge un’intensa opera di divulgazione scientifica nel campo delle nanopatologie, soprattutto per quanto riguarda le fonti inquinanti da polveri ultrafini.

Autore di articoli scientifici sulla tecnica della filtrazione cavale e sulle tecniche di prevenzione della tromboembolia polmonare.

Autore di numerosi articoli scientifici sulle nanopatologie e coautore di un volume pubblicato negli USA (“Handbook of Nanostructured Biomaterials and Their Applications in Nanobiotechnology” a cura di H.S. Nalwa, pubblicato da American Scientific Publishers)

Dr.ssa Antonietta Gatti

Antonietta Morena Gatti, laureata in Fisica e specializzata in Tecnologie Biomediche (bioingegneria), dal 1975, è stata prima borsista, poi ricercatore confermato, poi professore aggregato all’Università di Ferrara, di Bologna e di Modena fino al 2012. Ha insegnato Materiali Dentari, Biomateriali, Materiali Biomedicali, Bioingegneria dell’apparato Locomotore e ha ideato e diretto il Laboratorio dei Biomateriali all’Università di Modena e Reggio Emilia.
Ha tenuto seminari e didattica in molte Università Straniere: Washington, Melbourne, Sydney, Brisbane, Lione, Sapporo, Taipei, Barcellona, Oslo.
Ha diretto progetti di ricerca nazionale di Biomateriali del CNR e ideato e coordinato progetti di ricerca Europei come Nanopathology (2002-05) e DIPNA di nanotossicologia (2006-09)), progetti nazionali dell’Istituto Italiano di Tecnologia (INESE di nanoecotossicologia dal 2009 al 2013) e del Ministero della Difesa (BATNAN 2012, VENAM 2012). E’ stata membro di Commissioni Europee ed è consulente dell’European Science Foundation-. Nel 2012 è stata nominata International Fellow delle Società di Biomateriali ed Ingegneria.
E’ Presidente della Associazione “Health, Law and Science” a Ginevra (Svizzera) Vicepresidente de L’Eretico.
Ha scritto circa 260 articoli scientifici in giornali internazionali referenziati, 3 libri e 7 capitoli su libri internazionali.

Diventa anche tu membro di Free Health Academy

Unisciti a noi